Andreas de Florentia (13..-1415?)

Pays : Italie
Sexe : masculin
Naissance : 13..
Mort : 1415
Note :
Servite de Marie. - Compositeur et organiste
Autres formes du nom : Andreas De Florentia (13..-1415?)
Andreas de Florentia (13..-1415?)
Andreas da Firenze (13..-1415?)
Andrea degli Organi (13..-1415?)
Andrea dei Servi (13..-1415?)
Andrea Dei Servi (13..-1415?)
Frater Andreas (13..-1415?)
Andrea di Giovanni (13..-1415?)
ISNI : ISNI 0000 0003 6149 3403

Andreas de Florentia (13..-1415?) : œuvres (137)

Compositeur (108)

A song for Francesca
Il codice α.M.5.24 (ModA)
Il Codice Squarcialupi
Musica fiorentina nel secolo XIV
Amor già lungo tempo el tuo bel foco
Amor, già lungo tempo el tuo bel foco
Amor gia lungo tempo el tuo bel foro
Amor, i' mi lamento d'esta dea
Amor, i' mi lamento d'esta dea
Amor i mi lamento d'esta dea
Apress'un fiume chiaro
Astio no mori mai
Astio non morì mai
Astio non morì mai
Astio non mori mai
Astio non mori may
Che c'altra donna bella
Checc' altra donna bella
Checc' altra donna bella
Cosa crudel
Cosa crudel m'ancide
Cosa crudel m'ancide
Cosa crudel m'ancide
Cosa crudel m'ancide
Cosa crudel m'ancide - In pro
Cosa crudel m'ancide - In pro
Cosa crudel m'ancide - In pro
Dal traditor non si puo l'uom guardare
Dal traditor non si può l'uom guardare
Dal traditor non si può l'uom guardare
Dal traditor non si puo l'uom' guardare
Dame sans per en qui est ma speranche
De che faro signore
Deh, che faro, signore
Deh, che farò, signore ?
Deh, quanto fa gran mal chi rompe fede
Deh, quanto fa gran mal chi ronpe fede
De quanto fa gran mal chi ronpe fede
La divina giustitia d'amor brusa
La divina giustitia d'amor brusa
La divina giustizia d'amor brusa
Dolce sperança d'amoroso foco
Dolce sperança d'amoroso foco
Dolce speranza d'amoroso foco
Donna, bench'i' mi parta dal bel viso
Donna, bench'i' mi parta dal bel viso
Donna bench'i mi porta
Donna, se per te moro
Donna, se per te moro
Donna se per te moro
Donna, se' raççi de' begli ochi tuoi
Donna se raçi de begli ochi
Donna se raçi debe gli ochi tuoi
Donna, s'e razzi de' begli ochi tuoi
E più begli occhi che lucess' ormai
E più begli occhi che lucessor mai
E piu begli ochi che lucess' ormay
Fili paion di fin or lavorati
Fili paion' di fin' or lavorati
Fili ppaion di fin or lavorati
Fugit'è gia ni bacco dal aquila furone
Fugite Gianni Bacco
Fugite Gianni Bacco
Morrà la 'nvidia ardendo
Morra la 'nvidia ardendo
Morrà la 'nvidi' ardendo
Non già per mie fallir, leggiadra donna
Non già per mie fallir, legiadra donna
Non gia per mie fallir legiadra donna
Non ne speri merçede
Non ne speri merçede chi e sança pietade
Non ne speri merzede
Non più dogli' ebbe Dido
Non piu dogli' ebbe Dydo
Non più dogli ebe Dido
Non più doglie ebbe Dido
O perlaro gentil
O tu chara scientia
Perchè languir mi fai
Perchè languir mi fai
Perche languir mi fay
Perchè veder non posso 'l vostr'aspecto
Perche veder non posso 'l vostr'aspecto
Perchè veder non posso 'l vostr' aspetto
Per fanciulleça tenera
Per fanciulleça tenera
Per fanciulleza tenera
Per la ver'honestà che teco regna
Per la ver honesta che teco regna
Per la ver'onestà
Per la ver' onestà che teco regna
Pianto non partirà da gli ochi mai
Pianto non partirà dagli ochi mai
Pianto non partira dagli ochi mai
Presuntion da ignorança procede
Presuntion da ignorança procede
Questa legiadra luce arde 'l mie core
Questa legiadra luce arde'l mie core
Questa legiadra luce arde 'l mie core
Sedendo al onbra d'una bella mandorla
Sia quel ch'esser pò, ben far si de'
Sia quel ch'esser po', ben far si de'
Sotto candido vel dolce risguardo
Sotto candido vel, dolce risguardo
Sotto candido vel dolce risguardo
Voi non voi l'oro, posseghono danari
Voi, non vo' loro, passeghono danari
Voi, non vo'loro, posseggone danari

Auteur du texte (28)

Amor, già lungo tempo el tuo bel foco
Astio non morì mai
Checc' altra donna bella
Cosa crudel m'ancide
Dal traditor non si può l'uom guardare
Deh, che farò, signore ?
Deh, quanto fa gran mal chi rompe fede
La divina giustizia d'amor brusa
Dolce speranza d'amoroso foco
Donna, bench'i' mi parta dal bel viso
Donna, se per te moro
Donna, s'e razzi de' begli ochi tuoi
E più begli occhi che lucessor mai
Fili ppaion di fin or lavorati
Fugite Gianni Bacco
Morrà la 'nvidia ardendo
Non già per mie fallir, legiadra donna
Non ne speri merzede
Non più dogli' ebbe Dido
Perchè languir mi fai
Perchè veder non posso 'l vostr' aspetto
Per fanciulleza tenera
Per la ver' onestà che teco regna
Pianto non partirà dagli ochi mai
Questa legiadra luce arde 'l mie core
Sia quel ch'esser po', ben far si de'
Sotto candido vel, dolce risguardo
Voi, non vo'loro, posseggone danari

Compositeur présumé (1)

Dame sans per en qui est ma speranche

Documents sur Andreas de Florentia (13..-1415?) (1)

Livres (1)

Fra Andrea dei servi organista e compositore del Trecento

Voir aussi (8)